Del perché, per fare le ciriole, sono indispensabili le lamette

ricetta ciriola, pane fatto in casa, ciriole ad impasto diretto

Già. Indispensabili. Io ero convinta di averne in case e, ovviamente, al momento del taglio non le ho trovate. Ho usato il coltello ma non è la stessa cosa. Avrei potuto provare con un foglio di carta A4 ma al momento non mi è venuto in mente. Oppure imburrando un coltello, ma figurarsi se riuscivo a pensarci incazzata come ero. E allora, la ciriola non è venuta bella come avrebbe potuto. Peccato, sarà per un’altra volta. Però voi fidatevi: era buona, nonostante l’aspetto.
E pure facile, visto che ho riadattato una ricetta del Maestro Giorilli per renderla adatta ad un impasto veloce, da fare in poche ore.

Poi, quando compro le lamette, faccio quella a lunga lievitazione. Ma solo quando compro le lamette. Parola di Lupetto.

Ingredienti
Farina tipo 0 1 kg 
acqua 550 gr 
olio evo 45 gr 
lievito 25 gr 
sale 20 gr 
malto 1 cucchiaio 
L’impasto 
Si inizia sciogliendo il lievito in un po’ d’acqua, che va sottrata al totale da utilizzare. Versate quindi il liquido nella ciotola del robot e aggiungete le farine, setacciate, e il malto. Avviate il robot a bassa velocita e continuate ad aggiungere acqua a filo, tenendone da parte circa venti grammi. 
Lasciate lavorare il robot per una quindicina di minuti e aggiungete il sale sciolto nell’acqua restante. Lavorate per altri cinque minuti circa, fino a quando l’impasto non si presenta sodo ed elastico, e ponetelo a lievitare in una ciotola unta d’olio (coperta da uno strofinaccio e da una copertina) in luogo tiepido. 
Lasciatatelo lievitare per un paio d’ore almeno, fino a quando non sia raddoppiato di volume. 
ciriola-3

 Formatura dei panini 
A questo punto, rovesciate l’impasto su un tagliere spolverizzato di farina e dividetelo in pezzi quasi uguali, del peso di un etto e mezzo l’uno. 
Stendete ogni pezzo con il mattarello e arrotolate la striscia su se stessa, stringendo leggermente le punte.
Lasciate lievitare fino a quando i panini non siano ben gonfi. 
Cottura 
Accendete quindi il forno, sistemando la pietra in basso e portatelo a 220 gradi circa. Una volta pronto, praticate con una lametta un taglio – tenendo la lametta parallela al pane, come se se ne volesse sollevare “la pelle”, altrimenti otterrete un taglio sbagliato (come quello dell’ultima foto) – sulla superficie superiore e infornate facendo cuocere per una ventina di minuti.

ciriola

Ovviamente, lasciate raffreddare il pane su una griglia prima di affettarlo. 

Comments

comments

3 Responses to “Del perché, per fare le ciriole, sono indispensabili le lamette”
  1. milena 29 settembre 2012
  2. Günther 26 settembre 2012
  3. Michela 25 settembre 2012

Leave a Reply