TOP
Brutti ma buoni al cocco (Kokosmakronen)

“Brutti ma buoni al cocco”

kokosmakron, brutti ma buoni al cocco
Tempo di preparare i Brutti ma buoni al cocco, anche se – decisamente – sonon giornate impegnative questi giorni. Il rientro dalle ferie non è mai esaltante ma il mio è stato leggermente traumatico. Il classico blackout vacanziero, di quelli che ti costringono a svuotare il freezer di masse maleodoranti di forma ormai non più ben definita – le più belline erano le polpette, di colore ormai talmente verdastro che potevo spacciarle tranquillamente per crocchette di verdura – e di odore nauseabondo. Senza poter contare sull’aiuto dell’acqua calda, neanche per la doccia di fine lavoro: il blackout era dovuto alla caldaia, ho scoperto, ed il tecnico è potuto venire solo dopo 48 ore.
Comunque, è andata. E stasera, doccia (che ormai la sognavo di notte).

Meglio pensarea ai Brutti ma buoni al cocco, una ricetta facile facile, di quelle perfette per tutti. E che, particolare non da poco, permette di utilizzare gli albumi. Che non vanno mai buttati nel lavandino, come molti fanno – l’acqua è un bene prezioso, e va rispettato – ma messi in un sacchetto e congelati. Prima o poi, torneranno buoni, magari per biscotti come questi, di cui ha raccontato un po’ di tempo fa Claudia nel forum di gennarino.org

Perfetti, oltretutto, per arricchire il pacchetto di regali di Natale fatti in casa. Per questo scopo, preparateli pure con un buon anticipo e conservateli in una scatola di latta. Dureranno a lungo, e vi faranno fare in figurone.

E poi, leggete la ricetta: sono o non sono facilissimi?

Brutti ma buoni al cocco

Brutti ma buoni al cocco (Kokosmakronen)
Write a review
Print
Ingredients
  1. 4 albumi
  2. 200 g di zucchero
  3. 250 g di cocco disidratato
  4. 1 pizzico di sale
  5. vaniglia in polvere o i semi di una bacca di vaniglia
Instructions
  1. Montare gli albumi a neve fermissima con il pizzico di sale, man mano aggiungere lo zucchero e infine la vaniglia. Poi incorporare con molta delicatezza il cocco. Preriscaldare il forno a 150°. Con l'aiuto di due cucchiaini formare delle palline ed appoggiarle delicatamente sulla teglia rivestita con carta da forno. Infornare per 30/35 minuti.
SCATTI GOLOSI http://www.scattigolosi.com/

E voi, come utilizzate gli albumi? Avete qualche ricetta da consigliare? Se sì, venitela a raccontare nei commenti. Magari in tempo per provarla per Natale…

 

 

Comments

comments

«
»

12 COMMENTS

  • Anonymous on 12 marzo 2012

    Ciao, io ho li ho fatti usando un misto di cocco e nocciole tostate e tritate.. buonissimi!! Grazie, Paola

  • Teresa De Masi on 15 dicembre 2011

    Tritate grossolanamente, veronica: quasi in granella. 🙂

  • Veronica de Gregorio on 14 dicembre 2011

    nel caso di utilizzo di mandorle, come bisogna utilizzarle?

  • Anonymous on 14 dicembre 2011

    Teresa, li proverò presto…nella tua versione coccosa…:)
    Daniela Leone

    p.s.: nn mi iscrivo x nn avere l’ennesimo account…:((

  • Teresa De Masi on 14 dicembre 2011

    maria, pure a me non piace. Eppure in questi, mi piace un sacco. Usando zucchero molto vanigliato, praticamnte sparisce. Poi si puo’ fare con farina di nocciole, mandorle, pistacchio… ;-))

  • lizzy on 14 dicembre 2011

    Si può sostituire il cocco che a me non piace proprio?

  • Teresa De Masi on 28 luglio 2011

    @assunta, mi eri sfuggita. Grazie, sei gentilissima. Provali, sono semplicissimi. 🙂

  • Teresa De Masi on 28 luglio 2011

    Si’, nessun problema. Potevi usarli. La prossima volta, magari, facci i pasticcini che ho appena postato… ;-)))

  • caris on 28 luglio 2011

    quindi dicamo che per una settimana non dovrebbere succedere nulla? A dire la verità il colore era normale e l’odore anche ma mi sono lasciata prendere dal dubbio perchè era una settimana precisa…ma in tutta onestà non mi sembravano andati a male!!!

  • Teresa De Masi on 28 luglio 2011

    Caris, Santin consiglia di usarli – per le meringhe – dopo 4 o 5 gg di riposo in frigo: invecchiando, diventano meno “tenaci” e montano di più… 🙂

  • caris on 28 luglio 2011

    Teresa..una curiosità: secondo te in frigo gli albumi quanto possono essere conservati? Tem po fa li ho lasciati lì per qualche giorno e alla fine li ho buttati perchè non sapevo se potevo usarli o meno (mi erco scordata di congelarli!) Che aspetto bellissimo che hanno questi dolcetti!

  • Assunta on 28 luglio 2011

    E’ capitato anche a me al ritorno da una vacanza! Per fortuna nel frigo avevo lasciato ben poco, ma le poltiglie nel freezer e chi se le scorda più!!

    I tuoi brutti ma buoni sono perfetti… ed io ho ancora qualche residuo d’albumi nel congelatore da far fuori! 😉

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.