TOP
polpette di melanzane

“Polpette di melanzane”

Ricetta polpette di melanzane, preparare le polpette di melanzane
 
polpette di melanzane

Polpette di melanzane

Questa ricetta di polpette di melanzane nasce da un filo conduttore comune a diverse ricette povere: la sostituzione della carne con la melanzana. Roba di altri tempi, certo, dettata dalla necessità di inventarsi pietanze nutrienti – storicamente, si sa, i tempi della fame coincidono con quelli del lavoro fisico, bisognoso di energie per compensare il dispendio dovuto all’attività lavorativa – con ingredienti poveri quasi sempre presenti anche nei più spogli orti casalinghi.

 
Non solo ricette salate, ma anche dolci. Basti pensare ad un dolce tipico della pasticceria ragusana la “licurdia ” in cui la melanzana era usata nel ripieno in sostituzione della carne, ingrediente tipico della preparazione originaria, la “mpanatigghia” (dolce nato come sotterfugio, fu inventato infatti – almeno, così si dice – dalle monache per permettere ai membri del clero, spero anche di sesso femminile, di mangiare carne nei periodi di quaresima).
 
Ovviamente, ricette di dolci come questi sono eccezioni: la maggior parte delle sostituzioni riguarda piatti salati. Come, appunto, le polpette di melanzane, preparate come le classiche polpette, dove la polpa delle melanzane viene usata in sostituzione della carne.
 
Diffuse in tutta la cucina campana, sono però presenti anche in altre regioni del sud, come la Calabria.
In campania, che è la versione cui sono abituata, sono preparate con la melanzana del tipo più diffuso, la cima viola.
 
 

Polpette di melanzane : ingredienti

1 KG circa di melanzane,
200 gr di pane raffermo (meglio un tipo tradizionale, mollicoso e privato della crosta)
2 uova intere,
200 gr di formaggio grattugiato (io preferisco il provolone grattugiato, ovviamente stagionato, oppure del pecorino).
pangrattato, quanto basta per asciugare l’impasto.
sale,
pepe,
prezzemolo

 

Polpette di melanzane : procedimento

Le melanzane, una volta lavate, vengono sbucciate (non tutti lo fanno, dipende dai gusti) e tagliate a dadini. Non è necessario far perdere l’acqua nel classico bagno in acqua e sale visto che non vengono fritte (almeno non in questa fase) ma bollite – modalità che non amo – o trifolate in padella con olio ed aglio. Una volta cotte, dovranno essere ben morbide, si mettono in una ciotola e si lasciano raffreddare. Intanto, ammorbidire velocemente il pane in acqua e strizzarlo bene, in modo da eliminare ogni eccesso di acqua.

 
Ricetta polpette di melanzane, preparare le polpette di melanzane
 
Una volta tiepide le melanzane, aggiungere gli altri ingredienti (pan grattato a parte, visto che la quantità di questo dipenderà dall’umidità complessiva dell impasto) e impastare. Volendo, quest’operazione può essere fatta con un cutter: io, preferisco farla a mano. I pezzi di melanzana, per quanto spappolati, restano ben riconoscibili attribuendo al risultato finale una varietà di gusti che andrebbe irrimediabilmente persa se si lavorasse l’impasto con una macchina.
 

Quando l’impasto risulta ben omogeneo (ed asciugato dall’aggiunta di una giusta quantità di pan grattato), formare le polpette e infarinarle leggermente.

Ricetta polpette di melanzane, preparare le polpette di melanzane
 

Al momento di friggerle, in olio fondo a 180 gradi circa, schiacciarle leggermente con le mani. Io, almeno, le preferisco così.

 E voi?

Comments

comments

«
»

13 COMMENTS

  • paneepomodoro on 31 maggio 2013

    Non ho mai amato molto le melanzane e per me è un vero handicap perchè si prestano davvero a molti ingredienti, ecco perchè quest’anno mi sono imposta di cominciare a cucinarle: questa ricetta mi stuzzica proprio!

  • Tery on 28 luglio 2011

    A Crotone le melanzane vengono fatte bollire e ben strizzate, mentre gli ingredienti sono gli stessi.
    Come formaggio si usa il pecorino crotonese e alla fine non si passano nel pangrattato.
    E poi, la forma: sono sempre strette e lunghe. 🙂

  • archcook on 27 luglio 2011

    Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

  • Teresa De Masi on 27 luglio 2011

    @Tery, le calabresi sono diverse da queste?

    @grazie max, merito della macchina. Io, faccio quel che posso, divertendomi…;)

    @Stefania, per sfizio ci starebbe bene anche una manciatina di uva passa, per dare un tocco siciliano…

    @lydia, grazie. Ma penso che anche se le foto fossero state brutte, un angolino nel tuo cuore per quella giornata lo avresti trovato comunque,,;)))

    @claudia è un dolce siciliano, ma se ti sposti in costiera amalfitana trovi le melanzane al cioccolato…

  • Tery on 25 luglio 2011

    Uhmmmm… le polpette di melanzane, che voglia!!!!! Non le faccio da tantissimo e ora che le vedo… mi hai fatto venire una voglia enorme, sono troppo buone!

  • max - la piccola casa on 25 luglio 2011

    davvero belle queste polpette e le foto come sempre superlative!!!

  • Anonymous on 25 luglio 2011

    le melanzane le sbuccio un po’ sì e un po’ no.
    Poi le metto a cuocere con aglio e poco olio nel mw.Proseguo come nella ricetta.A volte ci aggiungo una manciatina di pinoli.Cosi’,per sfizio.
    stefania

  • Lydia on 24 luglio 2011

    Teresa, le tue foto sono sempre bellissime.
    Ho nel cuore ancora quelle fatte da Bottura.
    In boccaal lupo per questo angolino tutto tuo

  • Claudia on 24 luglio 2011

    QUeste polpettine hanno un aria davvero invitante e ti dirò, io preferisco di più le polpette senza carne a quelle di carne! Interessante l’idea del dolce alla melanzana! 😉

  • Teresa De Masi on 24 luglio 2011

    No, antonia non sono fritte. Friggo solo le polpette.

    Assunta, condite con il pomodoro non mi piacciono: mi piace ripassare velocemnte dei pomodorini in padella, con tanto basilico, e accompagnarci le polpette a mo’ di contorno. 🙂

    Lucia,le mie preferite sono queste: http://www.gennarino.org/frittelle_fiorizucca.html
    /grazie!

  • Anonymous on 24 luglio 2011

    Teresa ma quindi non sono fritte le melanzane?
    antonia

  • Assunta on 24 luglio 2011

    Anche io le preferisco schiacciate! 🙂
    La mia mamma, dopo la frittura, le passava in un sughino fatto con i pomodori freschi e il basilico con il quale poi ci condiva la pasta.
    Mentre io alcune volte, per avere una versione più light, le ho cotte in forno…ottenendo un risultato niente male! 😉

  • Lucia on 24 luglio 2011

    Wow da acquolina!! Io le preparo domani, oggi la mia mamma mi ha mandato delle melenzane colte dal suo orto e le uova fresche delle sue gallinelle (io le melenzane le faccio al vapore per il resto il procedimento è uguale) Domani faccio anche le frittelle di sciurilli, tu che pastella usi?

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.