TOP

“Il palatone, il pane cafone con lievito madre”

Questa ricetta di Palatone, il pane cafone con lievito madre , nasce da un regalo. Un sacchetto di farina regalatami da Salvatore Salvo l’ultima volta che, insieme a Maria, siamo andate a mangiare la pizza a San Giorgio a Cremano. Farina Caputo Verde, difficile da trovare in commercio: per questo, ancora più preziosa. E me l’ha regalata perchè in pizzeria, chiacchierando di farine, mi ha detto che voleva provare a farci il pane cafone, sul tipo di quello di San Sebastiano al Vesuvio. Io non ho risposto, non ricordo di averlo fatto almeno, ma i miei occhi devono avermi tradito…

Il palatone, il pane cafone con lievito madre

Il palatone, il pane cafone con lievito madre

Preparazione del Il palatone, il  pane cafone con lievito madre

Sono partita riattivando il lievito naturale: due rinfreschi nelle precedenti 48 ore. Poi, la mattina, ancora. I rinfreschi sono stati fatti con pasta acida (e acida lo era davvero, le ho dovuto pure fare un bagnetto per farle perdere la puzza ), metà del suo peso in acqua e farina manitoba (il doppio dell’acqua).

palatone

 

Tre ore prima dell’impasto, l’ultimo rinfresco: sempre le stesse quantità, ma misurando stavolta la temperatura ambiente per poi vedere in quanto tempo la pasta sarebbe raddoppiata. Per controllare, l’ho sistemata in un recipiente di vetro. Temevo peggio, due ore son bastate.

Prima di andare a letto, infine, ho preparato il poolish ( una pasta madre di consistenza liquida) mescolando l’impasto di prima con 100 gr di acqua a cui aggiungo 100 gr di farina. Coperto con pellicola trasparente è rimasto lì tutta la notte, a 24 gradi.

L’indomani mattina, autolisi più primo impasto.

Ho usato, in prima approssimazione (riservandomi di aumentare l’idratazione) 1500 gr di farina zero (caputo verde) e 1000 gr di acqua. Ho messo nell’impastatrice il poolish, ho aggiunto l’acqua e frullato brevemente. Poi ho aggiunto la farina impastando velocemente e lasciando riposare per mezz’ora.

Poi, l’impasto finale. Aggiungendo il sale, 30 gr circa, sciolto in 60 gr di acqua. E impastando  a mano. Non a lungo. Preferisco fare qualche giro di folding.

palatone

Due parole sul folding. Una tecnica che uso per il pane ad alta idratazione, che mi permette di non lavorarlo troppo a lungo. Con risparmio di fatica e meno rischio di surriscaladare l’impasto rendendolo colloso. Impasto tutti gli ingredienti e li lascio nella ciotola, a maturare (dipende dalla ricetta. In questo caso, mi sono fermata all’autolisi).
Poi, rovescio l’impasto sul piano di lavoro e faccio le operazioni riportate qui:

8098014824_30db8c798a_o

 

8098015298_b1a276b665_z

Poi, al coperto, a lievitare fino a stasera. A distanza di qualche ora l’una dall’altra, due giri di pieghe a tre. Poi, infine (dopo avere diviso la pasta in due pezzi uguali), la formatura a filone.

 

Al momento di infornare, quando il forno ha raggiunto il massimo della sua temperatura,  aiutandomi con una pala, ho trasferito il pane nel forno, sulla pietra refrattaria ormai calda. Dopo una decina di minuti, ho abbassato a 230°, poi – sempre dopo dieci minuti – a 200°. Ho portato quindi cottura, ci sono voluti circa 60 minuti, ed ho finito la cottura tenendo le pagnotta in verticale, appoggiate alla parete del forno, per una decina di minuti circa.

Il palatone, il pane cafone con lievito madre

Il palatone, il pane cafone con lievito madre

Qualche parola sulla cottura: non fidatevi delle apparenze, quando decidete che è cotto, lasciatelo cuocere almeno altri cinque minuti. Poi, bussate sulla crosta: deve fare rumore, suonando a vuoto. E poi, mettetelo di traverso a forno spento per una decina di minuti, sportello aperto.

Un’ultima cosa: sapete qual è la prova che il vostro pane è cotto a puntino? Raffreddandosi, suona. No, non è uno scherzo: si sente il rumore sottile ma continuo di piccole rotture nella crosta.
Ecco, quando succede… è poesia!

.

Comments

comments

«
»

17 COMMENTS

  • Cristiana Beufalamode on 27 ottobre 2013

    Ok…ho studiato!

  • Valeria on 21 ottobre 2012

    un pane strepitoso! mi par di sentire la musica scrocchiarella..

  • Ortobello Road on 21 ottobre 2012

    fantastico veramente e belle le spigazioni.
    Pat

  • milena on 20 ottobre 2012

    che nome strano.. però è bello! complimenti!

  • Milady on 18 ottobre 2012

    gli occhi ti avevano tradito…ma a ragione!

  • paneepomodoro on 18 ottobre 2012

    Se riuscissi a fare un pane così, avrei raggiunto la pace dei sensi!!! Sbavo solo a guardare… A parte che non posso mangiare pane e lievitati ma solo l’idea di mettermi lì con questo impasto fra le mani mi farebbe sentire felice!

  • Salvatore on 18 ottobre 2012

    Lo commentai già su FB e lo confermo adesso: gran bel risultato. Non oso immaginare quella crosta con la vaporella……;)))
    Ciao Teresa

  • franci e vale on 18 ottobre 2012

    E’ meraviglioso!!….però non ho capito alla fine quanto LM hai messo su 1500g di farina…scusa devo essermi persa…!
    hai detto che hai fatto l’ultimo rinfresco tre ore prima dell’impasto, ma poi hai preparato il poolish ( aggiungendo 100 di acqua e 100 di farina) e lo hai lasciato li tutta la notte…quindi in totale erano circa 300g?

    • Teresa De Masi on 18 ottobre 2012

      Si’, infatti metto 200 gr di pasta madre per chilo di farina, di solito.
      Grazie. 🙂

  • Gaia on 18 ottobre 2012

    che buchi!
    una meraviglia, davvero!
    grazie per tutte le spiegazioni. Le stampo e le conservo per la prossima panificazione del fine settimana.
    Stasera inizio coni rinfreschi!
    buona giornata!

    • Teresa De Masi on 18 ottobre 2012

      Buona giornata a te e buon lavoro. 🙂

  • Maria Romano on 18 ottobre 2012

    Quando la mano è buona, il lievito naturale vesuviano e la farina Caputo verde fanno il loro dovere pure al Nord.
    Ti dico solo che queste foto a S. Sebastiano al Vesuvio farebbero furore 😉
    Palatone straordinario!

    • Teresa De Masi on 18 ottobre 2012

      Beh, per ora ci accontentiamo del casino che fanno a san giorgio, in pizzeria… visto che ci toccherà andarlo a fare in loco. ;)))
      Grazie assaje. 🙂

  • pasqualina on 17 ottobre 2012

    Io non dormo stanotte…….

    • Teresa De Masi on 18 ottobre 2012

      E’ passata, la nuttata? ;-D

  • Maria Luisa on 17 ottobre 2012

    Il pane cafone…sarà cafone, ma a mme mi piaci assai!:-) ottimo, bravissima!

    • Teresa De Masi on 18 ottobre 2012

      Grazie. 🙂

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.