Dalla qualità alla patata

 
 
Mi ci avevano pure invitata, alla presentazione dell’audacia a base di patatina industriale  ma non ci sono andata. Figurarsi se sprecavo un giorno di ferie e i soldi del biglietto per Milano, per andare a sentire osannare una patatina… Ormai però è dappertutto: Cibus, a Parma, ne era invasa. Cosi’ come ne è invasa la tv:  uno spot di una antipatia insopportabile. Soprattutto per chi ricorda  i discorsi sulla qualità, sulla tradizione, sul cammino cui si trova di fronte al cucina italiana. E per chi ricorda anche la discussione con la Parodi, su questi temi. Che, alla fine, mi pare mostro di coerenza rispetto a lui.
Che di Audacia, prestando il suo volto a questa campagna pubblicitaria, ha sicuramente dimostrato di possederne parecchia.

Troppa, decisamente. Per i miei gusti, almeno. Perlomeno, pensando alla sua famosa discussione con Benedetta Parodi…

 
 
Edit: il video risulta non visibile, in quanto reso privato. Potete comunque trovarlo sul sito della RAI

In ogni caso, resta in buona compagnia: i suoi soci televisivi, infatti, ci stanno raccontando della grandezza della pasta sfoglia industriale l’uno e della bontà di un olio di oliva a meno di 5 euro l’altro. La prova provata, caso mai che ne fosse bisogno, che Masterchef sta alla cucina come il Grande fratello sta alla lettura.Roba da rivalutare la Clerici e la Parodi, insomma.

Comments

comments

8 Responses to “Dalla qualità alla patata”
  1. rossana 3 giugno 2014
  2. Alessandra Gio 24 maggio 2014
  3. qbbq 24 maggio 2014
  4. Unknown 24 maggio 2014
  5. Angela S. 21 maggio 2014
    • Gaia 22 maggio 2014
  6. peppe 21 maggio 2014
  7. Marcello De Tommasi 21 maggio 2014

Leave a Reply