TOP
Un giorno in Mutti

“Alla scoperta dei pomodori Mutti”

Un invito improvviso, inaspettato.

La possibilità di visitare lo stabilimento della Mutti a Parma. Per seguire il viaggio dei pomodori, a partire dai campi fino ai barattoli destinati a finire sulle nostre tavole.
Non la faccio tanto lunga, dico solo che sono rimasta molto  sorpresa. Ospitalità a parte – squisita, a cominciare dalla cena di arrivo nella splendida cornice di Villa Ziveri a Bannone di Traversetolo, in compagnia di Francesco Mutti che ci ha introfotto brevemente al  progetto “Sommelier del Pomodoro”, pensato grazie al contributo live dei tre chef Jre, Marianna Vitale (Napoli), Filippo Saporito (Siena) ed Eros Picco (Milano) per “costruire una cultura del pomodoro trasformato che ancora manca in Italia e di creare una nuova figura di intenditore, capace di valorizzare i diversi prodotti, orientandone il migliore utilizzo in cucina“.

mosaicb018b60190dde9b3d86c04c698a7547c34d3f3f4

Poi, una cena semplice e raffinata, curata dallo chef Eros Picco, per farci conoscere nel piatto quello che il giorno dopo saremmo andati a conoscere nei campi. Già, i campi: abbiamo assistito al raccolto (io ero a fotografare sul trattore), ascoltando l’agronomo Ugo Peruch raccontarci delle caratteristiche del pomodoro – coltivato in tutta l’ Emilia Romagna – e avendo anche  il piacere di ammirare una chicca in azione: il drone cui è affidato l’incarico di controllare direttamente sulla pianta il grado di maturazione dei pomodori.

mosaicbce9cb65778f3e825f3f9fd35ee7cb9cc023212d

mosaicd42c952b45a1f1230e71c1f2e2808f4dcfa594be

 

Poi in fabbrica, a scoprire le modalità del controllo qualità e tutto il percorso produttivo. Fino al barattolo e al tubetto.

mosaic5fdcf3b65750a2e3ffc22dbdc31aa214dda03797mosaic6ef1dd47582042f4e9c1a5cd3c2875ae5d730ff9 (1)

Una grande scoperta: confesso, in fatto di pomodori sono sempre stata campanilista e non ho mai sospettato una cultura del pomodoro tanto approfondita al di fuori della Campania.
Insomma, ero già cliente Mutti – trovo che il loro triplo concentrato sia insuperabile per sughi a lunga cottura – ragù napoletano, dove lo uso insieme alla passata, e ragù alla bolognese – ma sicuramente userò d’ora in poi i loro prodotti con atteggiamento mentale molto diverso.

A partire dai prossimi giorni, in cui testerò alcune  delle conserve che mi hanno invitato a provare.

Prima di tutto, passata e triplo concentrato: che stanno andando sul fuoco in questo momento in attesa di trasformarsi in ragù alla napoletana.
Ma di questo, ve ne parlerò nei prossimi giorni.

Comments

comments

«
»

1 COMMENT

  • stefania milani on 16 settembre 2014

    Sono contenta che tu ti sia resa conto che, la Mutti, produce ottime cose, partendo proprio dalla coltivazione e dalla varietà del pomodoro che utilizza….Quella varietà di pomodoro che hai fotografato, mia sorella lo usa per le sue conserve e ne fa pure dei barattoli tagliato a metà e cotto a bagnomaria….Non sono molto grandi ma, cotti in forno o in padella, conditi con pane grattato, sale e pepe, olio e origano, sono ottimi….

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.