TOP
focaccia all'uva fragola

“Focaccia all’uva fragola”

focaccia all'uva

L’idea di questa focaccia all’uva mi è venuta quando, questa estate,  ho ricevuto l’invito a partecipare al concorso I lievitati della nonna che ho accolto con gioia nonostante il titolo – purtroppo – non mi appartenga molto: ho perso infatti entrambe le mie nonne intorno ai sei anni e di loro non ricordo quasi nulla.

Quella paterna, probabilmente non amava cucinare: ha vissuto con noi gli ultimi anni della sua vita e non ricordo nulla di lei che abbia a che fare con la cucina.

Quella materna, invece, viveva lontana: in Calabria. Di lei ricordo un vestito nero e lungo – un classico per le donne anziane di allora – , una candida crocchia di capelli raccolti e una brocca di plastica verde piena di more. Già: non so perché ma questo è il ricordo più vivo che ho di lei, durante una passeggiata nei campi passata a raccogliere more.

focaccia con uva fragola

Ho comunque accolto l’invito pensando che comunque il titolo potesse  essere riferito ad un lievitato antico, sia pure non appartenente alla mia diretta storia familiare. Ho  quindi immaginato quello che avrebbe potuto essere e non è stato, per provare a compensare un po’ (forse) quello che purtroppo non ho mai avuto.

Inventandomi questa focaccia all’uva, un dolce che – se solo mia nonna fosse vissuta un po’ di più – magari avremmo potuto davvero preparare insieme.  

focaccia con uva-4

 

Accanto a quello delle more, infatti, altri due ricordi sono piuttosto vivi nella mia mente: il forno da paneda qualche parte la mia mania per i lievitati deve pure avere avuto origine… o no? –  e la vigna, dove con la scusa di accompagnarla rubavo gli acini di uva direttamente dalle piante.  C’erano diversi tipi di uva, quasi tutte da vino. E poi c’era lei: la fragola:  un po’ coriacea, ma dolcissima e aromatica. Ricordo ancora come mi divertivo a spremerla direttamente in bocca in modo da gustare solo la polpa, buttando via la buccia.

Ho immaginato, dicevo: una pitta (un pane basso e schiacciato, più morbido ed idratato di quello comune,  che si preparava per testare la temperatura del forno) che mi piaceva moltissimo. Il suo arrivo in tavola era una festa: si mangiava calda e un pezzo tirava l’altro, morbidissimi e profumati.  Poi, l’uva, appunto: la fragola, dolce e succosa. Il tutto, impastato insieme per realizzare un dolce povero e casalingo dal sapore povero e antico: quello dei miei ricordi.

E cosi’, abbracciando il ricordo della nonna che non ho mai avuto, ho preparato questa focaccia all’uva. Che ha ispirazione ovviamente dalla schiacciata  toscana, ma che nella mia testa vuole essere un omaggio alle mie origini calabresi, povere e contadine.  Ho scelto di utilizzare la Frumenta 1 che non mi ha deluso: ha assorbito in fretta l’acqua necessaria all’impasto, che è venuto soffice e ben alveolato nonostante sia stato steso ben sottile, come richiesto dalla ricetta.

focaccia all'uva 

Focaccia all'uva fragola
La focaccia all'uva fragola è una focaccia dolce, di ispirazione toscana, che ho preparato per il contest "I lievitati della nonna"
Write a review
Print
Ingredients
  1. 350 g di farina Frumenta 1 dei Grandi Molini Italiani
  2. 1,5 kg di uva fragola
  3. 3 cucchiai rasi di zucchero per l’impasto e due per il ripieno
  4. 3 cucchiai di olio extravergine di oliva di tipo fruttato leggero
  5. 10 g di lievito di birra
  6. 180 g di acqua
  7. 2 pizzichi di sale
Instructions
  1. Lavare l’uva e farla asciugare appoggiandola su uno strofinaccio pulito, lavato senza usare ammorbidenti.
  2. Separare gli acini dal graspo e prendetene un terzo: passateli al passaverdura in modo da ottenerne il succo. Mettetelo in un bicchiere, aggiungete un cucchiaio di zucchero e tenetelo da parte.
  3. Mettete nella ciotola della planetaria il lievito sbriciolato , l’acqua. Iniziate a mescolare lentamente e unite la farina, l’olio, lo zucchero . Quando l’impasto inizierà ad incordarsi, aggiungere il sale, e continuare ad impastare fino a quando non si stacca dalle pareti..
  4. Toglietelo quindi dalla ciotola della planetaria e rovesciatelo sul piano di lavoro: date una forma tondeggiante e lasciatelo lievitare fino a raddoppio, coprendo con una ciotola rovesciata a campana.
  5. Una volta che l’impasto appaia ben lievitato – il tempo necessario dipenderà dalla temperatura ambiente – schiacciatelo senza reimpastare e stendetelo sottile.
  6. Ungere la teglia da forno e rivestirla con metà della pasta, lasciando la parte eccedente ai bordi. Distribuirci sopra circa 700 gr. di uva, lavati e asciugati, due cucchiaiate di zucchero –
  7. Coprire con l'altra pasta e cospargere la superficie di chicchi, succo di uva e un po' di zucchero.
  8. Cuocere la schiacciata nel forno già caldo a 180° fino a che non appaia ben dorata.
  9. Servire tiepida.
SCATTI GOLOSI http://www.scattigolosi.com/
focaccia all'uva

Con questa ricetta partecipo al contest di Cucina semplicemente I lievitati della Nonna by “Frumenta” linea Grandi Molini Italiani

I-lievitati-della-nonna-GMI-600x250

Bene, cosa ne pensi di questa ricetta… ti è piaciuta? Allora potresti ringraziarmi  condividendola nei tuoi canali social.. che ne dici?

Comments

comments

«
»

2 COMMENTS

  • saltandoinpadella on 6 ottobre 2015

    Anche le mie nonne portavano la crocchia. Tutte le mattine se la facevano, anche se non stavano bene. Non le ho praticamente mai viste con i capelli sciolti. E’ da tanto che voglio provare questa famosa focaccia con l’uva fragola. Chissà che questa non sia la volta buona. Non danno fastidio i semini?

    • Teresa De Masi
      Teresa De Masi on 6 ottobre 2015

      Provala è molto buona. questa però non è l’originale (per quella ci vuole l’uva da vino). Con la fragola è molto buona e i semini si’ ci sono, del resto è un dolce rustico… potresti tagliare gli acini e ripulirla se ti danno fastidio, pero’… 🙂

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.