Da oggi, siamo tutti più poveri

Bonilli

La notizia è giunta ieri sera, inaspettata. Stefano Bonilli non c’è più. Ora, lungi da me l’idea di un coccodrillo ma credo sia impossibile non pensare alla sua morte come alla perdita di un pezzo di noi stessi. Io per esempio sono cresciuta, leggendolo. Ed anche tanto. E mi piaceva anche l’uomo, la sua discrezione, il non volere apparire a tutti i costi: l’accontentarsi dell’essere.

Lo ricordo pertanto con le sue parole, che sono la cosa che più hanno senso in momenti come questi. Perché sono ciò che resteranno. E ringraziandolo, da lontano, per tutto cioò che ha fatto per me.
Per noi.

Qui, la sua ultima intervista: lucido e severo, anche nei confronti di noi foodblogger. Un pezzo che, ora più che mai, vale la pena di leggere.

Ciao Direttore. Buon viaggio.

Comments

comments

Leave a Reply